Senza categoria

Alla scoperta di San Gallo

Non avendo ferie per Pasqua, se non è Maometto che va dalla montagna, è la montagna che va da Maometto.

Così i miei genitori sono saliti a Milano per passare insieme questo weekend lungo, tanto atteso.

Vista la vicinanza, anche quest’anno abbiamo scelto la Svizzera, ma questa volta ancora più in su rispetto alla Lugano dell’anno scorso.

Il nostro itinerario comprendeva San Gallo, Schaffhausen e per finire Zurigo.

Devo esser sincera, la Svizzera non è il primo paese in cui andrei a trascorrere le mie vacanze, ma visto i pochi giorni e la distanza da Milano, è il posto perfetto! E vi dirò di più, Zurigo mi ha sorpreso fortemente, ma di questo ve ne parlerò in un altro articolo, perchè adesso voglio mostrarvi San Gallo.


SAN GALLO

San Gallo si trova a nord-est della Svizzera, molto vicina al confine con la Germania, separate dal Lago di Costanza. Da Milano, traffico permettendo, sono poco più di 4 ore.

La nostra gita includeva il centro storico di San Gallo, i tre laghetti nel paesino di San Giorgio e per finire le famose cascate si Schaffhausen.

Ci credete se vi dico che il giorno di Pasquetta in questa piccola cittadina non c’era nessuno per strada e i ristoranti erano tutti chiusi? A parte il tipico finto ristorante italiano con una pizza margherita da 32€!!

Ebbene si amici, gli svizzeri durante i giorni festivi scappano via, lasciando le loro città praticamente deserte. Per carità da una parte può essere positivo, poca gente equivale a dire parcheggi liberi, no file ai ristoranti e no gomitate nel centro storico.. ma fino ad un certo punto. Se ho fame dove mangio?!

Ad ogni modo, il centro è molto carino, caratterizzato da casette colorate con i tetti a punta. Bellissima la Cattedrale, risale alla metà dell’800 e fa parte del patrimonio dell’UNESCO.


LAGHETTI DI SAN GIORGIO

L’estate si avvicina, la voglia di mare aumenta, ma per gli svizzeri non è così vicino. Così, hanno creato i famosi 3 laghetti, dove trascorrono i loro weekend estivi a prendere il sole e a farsi il bagno.

Si trovano sulla collina distante solo 10 minuti di macchina da San Gallo. Per i più coraggiosi, i laghetti sono raggiungibili anche dal centro della città, grazie alla lunga scalinata che hanno creato e che ti porta direttamente su nel bosco. Mentre per gli sportivi è un ottimo punto di incontro, grazie al lungo sentiero nel quale molte persone si incontrano per fare footing.

Da qui si gode della vista più bella dall’alto di San Gallo e sulla destra del fantastico lago di Costanza.

Personalmente non ho mai, e dico mai, fatto un bagno nel lago.. dovete scusarmi ma da buona terroncella proprio non ce la faccio!! Voi invece?

Gli svizzeri sembrano andare pazzi per questi tre laghetti, addirittura hanno montato scalette e trampolini di lancio per rendere tutto più divertente.


CASCATE DI SCHAFFHAUSEN

The last but not least, sono state le cascate di Schaffhausen. Famose in tutto il Paese, anche in Germania, vengono chiamate in italiano le Cascate del Reno di Sciaffusa. L’accesso è libero, si può camminare tranquillamente lungo il percorso costruito intorno alle rocce.

Caratterizzate dai battelli, diversi tra loro per la durata del giro, che permettono di vivere l’emozione delle cascate a pochi metri di distanza e di accedere in posti impossibili da raggiungere a piedi.

Il tempo da dedicare alle cascate è poco, escludendo il giro in battello. Ma è una meta molto carina per passare una domenica diversa dal solito, e magari fare un pranzo vista cascate.

Vi consiglio di andarci con il bel tempo, perché come potrete immaginare c’è molta corrente e vento.


Siete mai stati in Svizzera? Quali posti consigliate?


Voto per la città: 6/10

24 commenti

  • Paola

    In Svizzera ho visitato per bene solo Lugano, ma mi piacerebbe vedere altre città. I paesi più piccoli sono molto carini, ma troppo ordinati e da casa delle bambole. Fare il bagno al lago invece è divertente, prova!

    • Anonimo

      Lugano è piaciuta anche a me, ma sembrava quasi di essere in Italia! Invece a San Gallo vivi proprio la Svizzera a pieno, a tratti sembra quasi di essere con Heidi 🙂

  • Ale Carini

    Devo dire che invece a noi la Svizzera interessa parecchio. Ci siamo passati diverse volte ma solo con tappe troppo veloci per gustarla a pieno.
    Adesso poi che mi hai detto che durante le feste ed i ponti in giro non c’è nessuno e le città si svuotano, mi hai anche dati un’idea su quando andare a visitarla.
    Magari la prossima Pasqua potrebbe essere il periodo perfetto per noi 🙂

  • Simona

    Accipicchia sembra quasi una città fantasma all’inizio! Non sapevo che per le feste in Svizzera chiudesse praticamente tutto. Impensabile una cosa del genere per me che lavoro in Costiera Amalfitana! 🙂 ps. ma una pizza a 32 euro non si può sentire proprio eh!

    • Anonimo

      Mamma mia quando ho visto il
      Prezzo per la prima volta ero incredula, però guardando anche negli altri ristoranti avevano tutti quel prezzo 😱

  • Lucy

    Che strano immaginare una situazione così rarefatta per le strade a Pasqua, ma questi svizzeri dove vanno? Comunque tutta la Svizzera la devo rivalutare, abitavo a Milano e ci sono andata giusto due o tre volte di passaggio! Le tue foto invogliano, poi i laghetti li amo!

  • Annalisa

    Non abbiano mai preso in considerazione la Svizzera come meta. Abbiano sempre pensato che fosse troppo bacchettona, perfettina e a tratti supponente. Dal tuo racconto un po’ mi devo ricredere. Forse dobbiamo guardare al di là delle fredde città e tuffarci sulle zone limitrofe, tra i laghi e la natura

  • Valeria

    La Svizzera è per me ancora inesplorata, il tuo articolo si aggiunge a quelli entusiastici che ho letto finora. Davvero bella la cittadina di San Gallo, ma anche la natura e i laghetti. Non ho mai fatto il bagno in un lago!

  • Giovy Malfiori

    In Svizzera non ti devi stupire di quei prezzi: io ho vissuto in una parte di quella nazione per 8 anni e mi ero abituata a trovare una margherita a 20€. Quella, per me, è l’unica pecca (per un viaggiatore italiano). San Gallo, per me, resta uno dei pezzi più belli di quella parte della Svizzera. La città, con i suoi bovindi, racconta una storia immensa.

  • Raffi

    Pizza a 32 euro ma stipendi che sono il doppio dei nostri, se non il triplo. E’ questo che bisogna considerare quando si affronta una gita “fuori porta” in Svizzera. Per il resto è un territorio tutto da scoprire, da cui lasciarsi sorprendere e affascinare.

  • valeria

    ho trovato San Gallo molto molto carina, insolitamente allegra per essere Svizzera, le sue casette, le cioccolaterie, la cattedrale e soprattutto la spettacolare biblioteca.

  • Cla

    Bella idea l’idea di una gita in Svizzera. È vicina, ma non la prendo mai in considerazione. Avete comunque visto dei bei posti e sei stata insieme ai tuoi genitori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *